EMERGENZA COVID-19: I TEMPI DI CONSEGNA POTREBBERO ESSERE PIU' LUNGHI DEL NORMALE NELLA TUA AREA

1948. BIBBIA – DORE’ – MARTINI

1948. BIBBIA – DORE’ – MARTINI - GUSTAVO DORE’ - Armando Curcio editore

Descrizione

X80)

1948. BIBBIA – DORE’ – MARTINI

LA SACRA BIBBIA – ANTICO E NUOVO TESTAMENTO – TRADUZIONE E NOTE DI MONSIGNOR ANTONIO MARTINI ARCIVESCOVO DI FIRENZE – ILLUSTRAZIONI DI GUSTAVO DORE’

Roma, Armando Curcio editore, 1949. Libro voluminoso, cm. 26x35x7, pp. (2)725(2), peso Kg. 2,300, lingua italiana, centinaia di illustrazioni xilografiche di Gustavo Dorè a piena pagina, rilegatura originale rigida in tutta tela con titolo impresso al piatto anteriore e al dorso, cerniere restauro recente alle cerniere, solido e fresco esemplare all’interno.

_Antonio Martini tudiò nel Collegio Cicognini di Prato e poi all'Università di Pisa dove si laureò nel 1748. Su interessamento dell'abate Antonio Niccolini gli fu proposta la cattedra di diritto canonico nell'Università di Torino ma, sfumata l'occasione, trovandosi accolto bene, fu promosso direttore del Collegio di Superga. Il cardinale Carlo Vittorio Amedeo Delle Lanze, sapendo che Benedetto XIV desiderava una buona versione della Bibbia in toscano contemporaneo, spinse il Martini a intraprendere il lavoro.

Nel suo lavoro sul testo ebraico dell'Antico Testamento, la cui traduzione intraprese dopo quella del Nuovo, fu assistito da un rabbino fiorentino di nome Levi. Segnalò in Appendice e nelle Note le varianti del testo greco dei Settanta e di altre venerabili traduzioni e del testo ebraico. Si trattò della prima traduzione in italiano, dai tempi del monaco Nicolò Malermi (1471), fatta e approvata dalla Chiesa cattolica che, in precedenza, ne aveva impedito la produzione nella seconda metà del Cinquecento. L'opera fu approvata nella sua interezza, da Pio VI e rimase la traduzione in italiano più diffusa nella Chiesa cattolica italiana fino al XX secolo.

_Gustavo Doré , fu un disegnatore, pittore e incisore francese, esperto in tutte le tecniche pittoriche e incisorie. Pe le illustrazionin delle grandi opere come la Divina Commedia di Dante, La Bibbia e altre, predilesse la xilografia (incisione su legno) in cui raggiunse vette elevatissime. Fu un apprezzato artista religioso. Celebre è la sua edizione illustrata della Sacra Bibbia, che pur tra mille polemiche esercitò una grande influenza nell'arte religiosa della seconda metà dell'Ottocento. Pur compiendo una meditata riflessione sugli archetipi classici - il Calvario di Cristo, per esempio, attinge a piene mani dai dipinti di Rembrandt - Doré carica i soggetti sacri raffigurati di significati nuovi e inediti: per usare le parole del museo d'Orsay, «per la prima volta nella storia delle rappresentazioni cristiane, le scene della Bibbia sono così illustrate e "immaginate", al punto da urtare la sensibilità di alcuni». Il sentimento religioso in Doré affiora in modo orchestrale, cristallizzandosi in opere dal sapore drammatico, teatrale, persino fantasmagorico, che valsero all'incisore la fama di «pittore predicatore».


Codici articolo

Codice Copernicum:: COPERNICUM-5765234

Qualità del prodotto assicurata

La qualità di ogni oggetto in vendita su Copernicum è garantita dall'esperienza delle librerie professioniste venditrici che vi operano.

Paghi solo se il prodotto è disponibile

Può accadere che l'oggetto da te scelto non sia più disponibile: per questo potrai pagare solo dopo che la tua proposta d'acquisto sarà accettata.

Massima sicurezza nei pagamenti

Acquista in sicurezza tramite Paypal, Carta di Credito, Bonifico bancario o Contrassegno. Ogni transazione è protetta dal programma "Soddisfatti o Rimborsati, sempre"

Libri Consigliati da non perdere assolutamente